Giannina e i Clown dell'Ospedale

Tutti i fatti, gli avvenimenti, le parole, i colori, i palloncini, le magie ed i sorrisi di questa storia sono realmente accaduti, allora lettori, se siete pronti,
spalancate gli occhi per guardare
aprite le orecchie per sentire
la storia che vi sto per raccontare
la storia di GIANNINA e i CLOWN DELL’OSPEDALE!Ai piedi delle colline matildiche c’era un piccolo ma bellissimo paese chiamato Montecchio, che c’è tuttora, dove gli abitanti vivevano in pace ed allegria, con amore, rispetto, gioia di vivere ed armonia.
Accadde, però, in una notte tempestosa, che un oscuro signore di nome Solitudine scelse proprio il paese di Montecchio per costruirvi la propria fortezza.
Solitudine, si impossessò così del paese, grazie anche all’aiuto dei suoi tre inseparabili guerrieri neri : Egoismo, Tristezza e Pessimismo.
Montecchio e la grande rocca del castello che sorgeva al suo interno diventò così un paese grigio e tristi diventarono le persone che vi abitavano.
Il sole non sorgeva più nel cielo che diventò grigio e nuvoloso,
gli uccellini persero la voglia di cantare,
i fiori non sbocciarono più e perfino i bambini non riuscivano più a giocare.
Un bel giorno giunse in paese una bellissima fanciulla di nome Giannina.
Tremava poverina per il freddo che copriva l’intero paese.
Provò a chiedere spiegazioni ai passanti, ma le rispondevano di malavoglia perché erano spaventati ed avevano paura di Solitudine.
Ebbe paura e corse fuori dal paese piangendo
e si rifugiò nel bosco che sorgeva lì vicino.
Un Grande Mago, di nome Merlino, la sentì piangere, le andò vicino consolandola e fu subito conquistato dalla grazia della fanciulla e dalla triste storia che gli raccontò.
Allora Merlino chiamò i suoi amici clown che le fecero coraggio e le dissero che erano stati incaricati dal re, Cuore d’Oro, e dalla regina, Sorriso Splendente, di combattere le ombre nere che si aggiravano nel regno e riportare così la luce dov’era entrata l’ombra.
Fu così che, tutti insieme,
condotti dal mago Merlino entrarono con Giannina, nel paesino di Montecchio.
I pagliacci iniziarono a fare le cose che sapevano fare meglio, crearono così fantastici palloncini: fiori, cuori, cigni e spade incantate per combattere il grigiore che Solitudine aveva portato nel paese di Montecchio.
In breve tempo questo coraggioso e coloratissimo gruppo di amici riuscì a risvegliare gli animi tristi delle persone e così tutti insieme, sorridenti e colmi della ritrovata gioia di vivere si presero per mano e si avvicinarono, stretti uno all’altro, alla Rocca Nera.
Piano piano, sempre tenendosi per mano, sorriso nel sorriso, circondarono insieme la Rocca per affrontare il terribile nemico ed iniziarono il loro girotondo incantato.
Avevano paura, ma sapevano che solo assieme avrebbero potuto vincere, divisi mai!-
Il mago Merlino recitò una formula magica e…….
“Qua la mano amico mio se ti va
coloriamo il mondo di felicità
rosso, verde, giallo, tutti i colori
e i tuoi desideri diventeranno realtà.
Qua la mano amico mio stai con noi
ci divideremo tutto quel che c’è
dalla vita io non chiedo di più
fammi un sorriso mi basti tu.”
E magicamente dal cuore della Rocca Nera uscirono lampi di luce colorata, squarci nel cielo che tornò turchese e poi, un’enorme esplosione!
Egoismo, Tristezza e Pessimismo scapparono, Solitudine era sconfitto!!!
Così si scoprì che Solitudine non era altro che una persona normale, ma che aveva assoluto bisogno della compagnia di amici veri e sinceri come tutti loro.
Gli uccellini cantarono di nuovo, i fiori sbocciarono coloratissimi nei prati e i bambini ritornarono a giocare felici.
A testimonianza della vittoria ottenuta e della faticosa lotta intrapresa contro l’oscurità nacque, al posto della Rocca, un luogo di ricovero e ristoro per i bisognosi
e lo chiamarono OSPEDALE!
Per festeggiare la vittoria fu preparato un grandissimo banchetto pieno di dolci e di tantissime torte a cui furono invitati tutti gli abitanti del paese.
Qualcuno, più goloso degli altri, si tuffò su una soffice torta, rialzando il viso con tutto il naso arrossato dalla salsa di fragole e un sorriso soddisfatto di panna montata.

Ed è così che da quel giorno, noi, Clown dell’Ospedale, indossiamo questo buffo naso rosso e portiamo il nostro sorriso a chi ne ha bisogno.
Ecco i prodigi realmente accaduti!

I CLOWN DELL’OSPEDALE
Un grande grazie a CIUCHINA

E per chi non sa l’italiano ecco la versione in dialetto:

Ai pèe dlà colèina matèldica, a gh’era un bel paesèin ciamèe Muntècc, cal gh’è ancorà, dove i abitànt a vivìven in pèes e alegria, cun amòor, rispèt e na gran voià ed vevèr in armonia.
E’ sucès però in na nòot ed timpèsta, che un bròt personàag dal nòm SOLITUDINE al scegliesà propria al paèis ed Muntècc per costruirèg al sòo castèl.
SOLITUDINE al s’è impadronìi dal paèis, grasia a l’aiòt di sòo suldèe scùur: EGOISMO, TRISTEZZA e PESSIMISMO.
Muntècc cun la sòo Roca dal castèl cl’ha nasciva a l’interen dal paèis, in pòoc tèimp l’è dvintèe grìis e trèst come al persòuni che ghe stevèn.
Al sòol al nasciva piò e al cièel seimper grìis e nuvalèe, perfìn i uslèin iven pers la voià ed cantèer, i fior an fiorivèn piò e anch i ragasòo ivèn pers la voià ed zughèer.
Un bel dè è rivèe in paèis na belà ragàasa ed nòm GIANNINA.
Puvrèina, la termèeva dal frèd cal quacèeva tot al paèis.
La cumincèe a dmandèer spiegasiòun a tot qui che paseva, ma tot ag rispondivèn mèl luntèera perché erèn tot espavintèe cun na gran paura ed SOLITUDINE.
La s’è spavinteda e le corsa fòora dal paèis pianglèinta e la sèe lughèeda in tal bosch che gh’era le svèin.
Un Gran Mago, ed nòm MERLINO, in tal sintèirla pianzèr al s’è svinèe per consolerla e la grasia e la storia trèsta che la ragasòola la g’ha cuntèe, in pòoc tèimp a l’han conquistèe.
Alora MERLINO l’ha ciamèe i sòo amigh clown che i’han fat curàg a GIANNINA e g’han dèt ch’ erèn stèe incarichèe dal rè, CUORE D’ORO, e da la regina, SORRISO SPLENDENTE, ed cumbatèr agli ombri nigri che girevèn in tal règn e turnèer a purtèer la lùus dov’ era entrèe l’ombra.
E acsèe tot insèm cmandèe dal mago MERLINO entrerèn cun GIANNINA, in tal paesèin ed Muntècc.
I paiàss i’han cumincèe a fèr al cosi che saivèn fèr bèin e acsèe i’han costruìi di fantastic balunsèin: fior, còor, cigni e spèedi incantedi per cumbatèr al grisòor che SOLITUDINE l’iva purtèe in tal paèis ed Muntècc.
In poc tèimp al gròp d’amigh coragiòos e colorèe a gl’han cavèeda a risveglièer l’alegria in cal persòuni tresti e deprèsi e acsèe tot insèm, soridèint e gioios a sin ciapèe per man e brasèe un a cl’eter e sin purtèe svèin a la Roca Nigra.
Pian pianèin, sèimper per man, cun un gran sorris, i’han circondèe la Roca per affrontèer al tremènd nemigh e i’han cumincèe al sòo girotònd incantèe.
A gh’ivèn paura, ma a saivèn che sol insèm i’arevèn prùu vinsèr, divis mai!
Al mago MERLINO l’ha recitèe na formula magica e……..

“Qua la mano amico mio se ti va,
coloriamo il mondo di felicità,
rosso, verde, giallo, tutti i colori
e i tuoi desideri diventeranno realtà.
qua la mano amico mio stai con noi,
ci divideremo tutto quel che c’è,
dalla vita io non chiedo di più,
fammi un sorriso, mi basti tu.”

E come per magia dal còor ed la Roca Nigra è gnùu fòora di làmp ed lùus colorèeda, sbrèergh in tal cièl che l’è turnèe colòor turchèes e pò, una gran esplosiòun!
EGOISMO, TRISTEZZA e PESSIMISMO in scapèe, SOLITUDINE l’era sconfèt!!!
Acsèe a s’è scopèrt che SOLITUDINE al n’era eter che na persòuna normèela, che al gh’iva un gran bisògn ed la cumpagnia d’amigh sincèer come tot lòor.
I uslèin in turnèe a cantèer, i fior a sin avèrt coloratèsim in ti prèe e i ragasòo i’han ricomincièe a zughèer tot cuntèint.
Come testimoniànsa dlà vitoria otgnùuda e dlà dura lòota fàata cuntra l’oscuritèe, è nasùu al post ed la Roca, un post ed ricovèer e na mèinsa per i piò bisognòos e l’è stèe ciamèe OSPEDALE!
Per festegèer la vitoria, è stèe preparèe un gran banchèt pin ed dols e tanti torti e a cal banchèt è stèe invidèe tot i abitànt dal paèis.
Un quelchidùun, piò golòos ed chi eter, al s’è butèe insemà a na torta, quand la tirèe sòo la ghegnà al gh’iva tot al nèes ròss da la sèlsa ed fragoli e un gran sorrìis sodisfàat ed pàana muntèeda.

E l’è stèe acsèe che da cal dè lè, nueter, CLOWN dl’Ospedèel a purtòm un nèes bòff e ròss e acsèe a purtòm al nostèr sorrìis a chi ag n’ha bisògn.
Ecco ragasòo, i mirachel veramèint sucèss.

Un grande grazie a BRICIOLA!


Discussion - 1 commento

  • sucess   17 Maggio 2016 @ 14:37

    Hey There. I found your weblog the usage of msn. That is an extremely
    neatly written article. I’ll be sure to bookmark it and come back to read
    extra of your helpful info. Thank you for the post.
    I’ll certainly comeback.